Sacramentario di San Pietroburgo

  • Ratisbona, secondo terzo dell’XI secolo (1046- 1048?), membr.; ff. 109; mm 175 × 122.
  • Già San Pietroburgo, Rossijskaia Nacionalnaja Biblioteka, ms Q. v. I Nr. 25 (distrutto a Varsavia nel secondo conflitto mondiale)

Scritto a Ratisbona per la chiesa di Aquileia e distrutto durante il secondo conflitto mondiale, è noto solo per la scheda di un catalogo.

Il Sacramentario, che appartenne alla grande collezione di Józef Andrzej Załuski (1702-1774), venne distrutto nel corso del secondo conflitto mondiale a Varsavia, dove fu trasferito da San Pietroburgo a seguito del Trattato di Riga (1921). Il manoscritto, noto soltanto grazie alla descrizione di Antonio Staerk, che ne pubblicò anche una riproduzione, fu probabilmente eseguito per Aquileia, dal momento che nel canto dell’Exultet (f. 53r) si fa riferimento anche al patriarca (nome abraso), oltre che a papa Leone IX (1048-1054) e a un imperatore di nome Enrico (Enrico II, 1002-1024, oppure Enrico III, 1046-1056).

Le caratteristiche paleografiche del manoscritto, come pure l’iniziale ornata dalle caratteristiche ottoniane, riconducono a Ratisbona verso il secondo terzo dell’XI secolo.

5.9_r

Pagina di testo (foglio 53) con iniziale D (da Staerk, 1910, Tav. XXXII)

 

 

Inserisci un commento