Libri corali

Antifonario cividalese

  • Sec. XV (ante 1433); membr.; mm 540 x 370; ff. II, 192, II’
  • Cividale del Friuli, Museo Archeologico Nazionale. Archivi e Biblioteca, codice XXXVII

L’apparato illustrativo e più in generale la realizzazione dell’intero codice può essere attribuita a un atelier cividalese, che bene si inserisce nell’ambiente tardogotico veneto in contatto con alcune delle personalità più significative di questo ambiente.

Antifonario di Ludovico di Teck

  • Sec. XV (Udine, 1412-1420); membr.; mm 495 x 375; ff. 315
  • Udine, Biblioteca Arcivescovile, cod. 94

Un Antifonario copiato agli inizi del Quattrocento nel castello di Udine, allora residenza patriarcale, da alcuni capellani copisti del patriarca Ludovico di Teck.

Graduale della pieve di Spilimbergo

  • Fine Sec. XV - inizio XVI (entro il 1503); membr.; mm 510 x 385; ff. II, 243, II’
  • Spilimbergo, Archivio parrocchiale, 3

Il codice fa parte della serie dei corali del duomo di Spilimbergo realizzata dal pittore udinese Giovanni de Cramariis su commissione dei signori di Spilimbergo.

Graduale della pieve di Gemona

  • Sec. XIV (terzo o quarto decennio); membr.; mm 310 x 225; ff. 297
  • Gemona del Friuli, Pieve, Graduale 3 (segnato 1677)

Un codice di scuola bolognese, che secondo la tradizione fu donato alla pieve di Gemona dal patriarca Bertrando di Saint-Geniès.

Graduale del Capitolo di Udine

  • Sec. XIV (seconda metà); membr.; mm 567 x 382; ff. II, 173, II’
  • Udine, Archivio Capitolare, 23

Un codice di scuola bolognese, che secondo la tradizione fu donato alla pieve di Gemona dal patriarca Bertrando di Saint-Geniès.

Graduale del Capitolo di Udine

  • Sec. XIV (seconda metà); membr.; mm 571 x 390; ff. 155
  • Udine, Archivio Capitolare, 25

L’apparato illustrativo, che itera le caratteristiche iniziali caleidoscopiche e con inserti di esseri bizzarri e animali degli altri codici della serie, raggiunge in alcune lettere un tono quasi irriverente e divertito.

Graduale del Capitolo di Udine

  • Sec. XIV (seconda metà); membr.; mm 572 x 395; ff. II,157,II’
  • Udine, Archivio Capitolare, 29

La decorazione del Graduale è attribuita a un miniatore partecipe del rinnovamento in chiave gotica della cultura figurativa friulana, scaturito dalla presenza a Udine tra il 1348 e il 1349 di Vitale da Bologna.

Antifonario della chiesa di San Antonio abate di Udine

  • Sec. XIV; membr.; mm 586 x 340; ff. II, 165, II
  • Udine, Archivio Capitolare, 24

Il codice, che fa parte di un Antifonario in quattro volumi scritto e miniato per la chiesa napoletana di Sant’Antonio Abate a Foria, arrivò in Friuli probabilmente nella prima metà del Quattrocento.

Antifonario della chiesa di San Antonio abate di Udine

  • Sec. XIV, membr., mm 560 x 375; ff. I, 162, II
  • Udine, Archivio Capitolare, 20

Gli stemmi del generale dell’ordine antonita Ponce (o Pierre) II Mitte (1370-1374) o Bertrand Mitte (1374-1389) e della famiglia Marra di Napoli consentono di individuare i committenti di un Antifonario arrivato probabilmente in Friuli nella prima metà del Quattrocento.

Antifonario della chiesa di San Domenico di Cividale

  • Sec. XIV (inizio); membr.; mm 525 x 365; ff. I, 234, I’
  • Cividale del Friuli, Museo Archeologico Nazionale. Archivi e Biblioteca, codice XXXIII

Scritto e miniato per una chiesa dei frati predicatori, forse per lo stesso San Domenico di Cividale, ad opera di un maestro di scuola veneziana.

Antifonario cividalese

  • Sec. XV (ante 1433); membr.; mm 555 x 380; ff. I, 184, I’
  • Cividale del Friuli, Museo Archeologico Nazionale. Archivi e Biblioteca, codice XL

Nelle iniziali di pennello di questo antifonario prodotto per il capitolo di Cividale una presenza insistita di esseri mostruosi, draghi e mascheroni, posti nel campo interno o costitutivi delle lettere.

Inserisci un commento