Il Salterio di santa Elisabetta

  • Reinhardsbrunn (?), tra il 1201 e il 1208, membr.; mm 225 × 170; ff. 173.
  • Cividale del Friuli, Museo Archeologico Nazionale, Archivi e Biblioteca, codice CXXXVII

Uno dei primi salteri di lusso realizzati per l’alta aristocrazia laica in ambito tedesco, con ogni probabilità nel monastero di Reinhardsbrunn, attorno agli anni 1201-1208, su commissione del langravio di Turingia Ermanno I e della sua seconda moglie Sofia di Wittelsbach, destinataria del codice.

Un commento

  • …….. (leggi) non ho parole… sono ferma alla “copertina” del Salterio di Elisabetta….zoom per i minimi particolari.Grande l’opera manuale!…. Il vostro lavoro per questo sito è magnifico, non so dove guardare, da perdersi in queste opere e in queste storie….e come dico sempre #echimispostadafvg ! Mandi Mandi (il più bel saluto del mondo) !

Inserisci un commento