Corrado II, imperatore, detto il Salico

Iniziatore della dinastia di Franconia (n. 990 circa – m. Utrecht 1039). Energico e ambizioso, riuscì (1024) a ottenere la corona di Germania, e acquistò alla propria casa la Baviera, la Svevia e la Carinzia. Fece riconoscere come successore il figlio Enrico, che fu incoronato nel 1028 ad Aquisgrana. Nel 1031 aggiunse all’impero le due Lusazie e nel 1033-34, dopo una lotta sostenuta contro Eudes conte di Champagne, il regno di Borgogna. Il re Mieszko di Polonia si era riconosciuto (1030) suo vassallo. Venuto in Italia, era stato incoronato re d’Italia a Milano (1026) e imperatore a Roma (26 marzo 1027); sorta una contesa tra Ariberto, arcivescovo di Milano, fino allora suo fedele sostenitore, e i vassalli di questo, Corrado scese ancora in Italia (1036) e portò le armi contro l’arcivescovo. Nel 1037, mentre assediava Milano, concesse l’Edictum de beneficiis (o Constitutio de feudis) con cui riconobbe l’ereditarietà anche dei feudi minori: ciò d’accordo con la sua politica di rafforzare i minori vassalli e i ministeriali per averne appoggio contro l’alta feudalità laica ed ecclesiastica.

Inserisci un commento